Decreto Ministeriale 04/07/2019

(Gazzetta ufficiale 09/08/2019 n. 186)

 

Incentivazione dell’energia elettrica prodotta dagli impianti eolici on shore, solari fotovoltaici, idroelettrici e a gas residuati dei processi di depurazione (FER 1)

Stanno finalmente per partire gli incentivi alle rinnovabili contenute nel decreto FER 1. Dopo la pubblicazione del decreto (DM 4 luglio 2019) in Gazzetta Ufficiale, il Gestore dei servizi energetici (GSE) ha emanato il regolamento operativo che spiega come ottenere i bonus.
Il provvedimento premia l’autoconsumo di energia per impianti su edifici, l’eliminazione dell’amianto e incentiva la produzione di energia sostenibile oltre che rinnovabile.
La misura attiverà la realizzazione di impianti per una potenza complessiva di circa 8.000 MW, un aumento della produzione da fonti rinnovabili di circa 12 miliardi di kWh e investimenti per 10 miliardi di euro.

Gli incentivi del decreto FER 1

Possono partecipare ai bandi per la selezione dei progetti da iscrivere nei registri gli impianti:
– di nuova costruzione, integralmente ricostruiti e riattivati, di potenza inferiore a 1MW;
– oggetto di interventi di potenziamento qualora la differenza tra la potenza dopo l’intervento e la potenza prima dell’intervento sia inferiore a 1 MW;
– oggetto di rifacimento di potenza inferiore a 1MW.

Gli impianti devono essere realizzati con componenti di nuova costruzione.
La partecipazione è aperta anche agli impianti aggregati, costituiti da più impianti appartenenti al medesimo gruppo, di potenza unitaria superiore a 20 kW, purché la potenza complessiva dell’aggregato sia inferiore a 1 MW.
Gli impianti di potenza uguale o maggiore a 1 MW per accedere agli incentivi dovranno partecipare a procedure di asta al ribasso nei limiti dei contingenti di potenza.
Gli impianti fotovoltaici realizzati al posto delle coperture in amianto o eternit hanno diritto, in aggiunta agli incentivi sull’energia elettrica, a un premio pari a 12 €/MWh su tutta l’energia prodotta.
Per gli impianti di potenza fino a 100 kW installati sugli edifici, sulla quota di produzione netta consumata in sito è attribuito un premio pari a 10 euro al MWh. L’incentivo è cumulabile con quello per la sostituzione delle coperture contenenti amianto con moduli fotovoltaici.
Il premio viene riconosciuto a posteriori, dopo aver accertato che l’energia autoconsumata è superiore al 40% della produzione netta.

Hanno priorità nell’accesso agli incentivi:
– impianti realizzati su discariche chiuse e sui Siti di Interesse Nazionale ai fini della bonifica;
– impianti fotovoltaici installati su scuole, ospedali e altri edifici pubblici in sostituzione delle coperture e sui    fabbricati rurali previa completa rimozione dell’eternit o dell’amianto;
– impianti idroelettrici che rispettino le caratteristiche costruttive del DM 23 giugno 2016 e impianti alimentati a gas residuati dai processi di depurazione o che prevedono la copertura delle vasche del digestato;
– tutti gli impianti connessi in “parallelo” con la rete elettrica e con le colonnine di ricarica delle auto elettriche (a condizione che la potenza di ricarica non sia inferiore al 15% della potenza dell’impianto e che ciascuna colonnina abbia una potenza di almeno 15 kW).

Requisiti di accesso e modalità di presentazione

Sono richiesti i titoli abilitativi alla realizzazione e all’esercizio dell’impianto ed il preventivo di connessione alla rete elettrica accettato in via definitiva.

Gli impianti hanno accesso agli incentivi solo se i relativi lavori di realizzazione risultino dalla comunicazione di inizio lavori trasmessa all’amministrazione competente, avviati dopo l’inserimento in posizione utile nelle graduatorie.

Il GSE pubblicherà i primi bandi relativi alle procedure di asta e registro il 30 settembre 2019. L’ultimo dei 7 bandi sarà pubblicato il 30 settembre 2021.
Le domande dovranno essere presentate entro 30 giorni dalla pubblicazione, utilizzando esclusivamente il sito del GSE. Entro 90 giorni dalla chiusura del bando, il GSE stilerà la graduatoria.

I Servizi di Unica Ingegneria:

Unica Ingegneria  offre il preventivo e il supporto per presentare correttamente la domanda di incentivo al GSE.

  1. Assistenza nella predisposizione della documentazione per la partecipazione al bando;
  2. Progettazione e realizzazione chiavi in mano dell’intervento individuato;
  3. Assistenza post intervento;
  4. Serie completa di servizi addizionali.

 

E’ il momento di iniziare a pianificare gli interventi per esser pronti e tempestivi all’apertura delle aste e dei registri!!!

SEI INTERESSATO AGLI INCENTIVI?

 

 

 

→  Contattaci  ←

 Tel. 368 8028454 / 3496118926

Fax. 0861 245632

Mail: info@unicaingegneria.eu